Analisi geomagnetica 2017-01-31

Continua il flusso di vento solare indicato nelle analisi precedenti (vedi qui ). Alle ore 12:30 UTC il vento solare ha raggiunto i 634 km/s in salita (è previsto che debba toccare gli 800 km/s). Si attende pertando una tempesta geomagnetica almeno di classe G1.

Nuovo buco coronale fronte alla Terra

 

Si segnala una impennata dell’ indice DST che ha toccato quasi il valore di +150. Ricordiamo che queste variazioni violente sono molto pericolose in quanto, secondo la statistica, possono innescare violenti sismi ed attività vulcanica anche dopo due settimane dall’ evento geomagnetico.

Alle 12:30 UTC l’ indice è rientrato nella normalità, ma va tenuto sotto controllo.

Nel frattempo si segnala uno sciame sismico nel giorno 30 gennaio nei pressi dell’ Etna presso Catania.

Ovviamente si raccomanda la massima accortezza prestando attenzione anche ai minimi segnali di pericolo.

Aggiornamento 01/02/2017 ore 1:30 UTC

La tempesta geomagnetica è arrivata ed è innescata dal vento solare + flares giunti sulla Terra. Il vento solare ha raggiunto i 750 Km/s in aumento

Come si può notare i valori sono fuori scala

Aurore boreali. Questa attività potrebbe stimolare le faglie dell’ Alaska e della Kamchatka russa.

 

Aggiornamento 01/02/2017 ore 21:00 UTC

La Terra è stata investita da una tempesta G2, in alcuni punti perfino da una G3, ben superiore alle attese. L’ Italia è stata solo sfiorata ma è comunque stata coinvolta. Pertanto dal 1° di febbraio parte la finestra di allerta che dura fino al 6 febbraio 2017. In questa finestra temporale è possibile che sull’ Europa si verifichino sismi ed eruzioni vulcaniche di una certa intensità. Si raccomanda quindi, ancora una volta, la massima attenzione.

Aggiornamento 09/02/2017 ore 12:15 UTC

Continua la discrepanza di magnitudo fra USGS e INGV. Il 4.4 di INGV è stato catalogato da USGS come un 4.8

http://earthquake.usgs.gov/earthquakes/eventpage/us20008haf#executive

 

AVVERTENZA
Le immagini provengono da siti scientifici ufficiali ma abbiamo impiegato molto tempo a selezionarle e sceglierle. Le analisi invece sono nostre elaborazioni. Invitiamo pertanto i gentili utenti che ci leggono e usano i dati, che noi abbiamo selezionato per loro, a rispettare il nostro lavoro e a condividere il sito nella sua interezza senza prendere parti di esso per i propri scopi o quanto meno a citare la fonte. Grazie!

 

I commenti sono chiusi